Home > Giochi da Tavolo, Giochi di Carte > Essen 2012, giochi da tavolo presentati domenica 21 ottobre

Essen 2012, giochi da tavolo presentati domenica 21 ottobre

Setup di Medieval Mastery nella partita per sei persone


Domenica 21 ottobre, ieri, è stato l’ultimo giorno della fiera di Essen. Anche le cose belle, si sa, finiscono. In questo momento si stanno sviluppando, sui maggiori forum dedicati ai giochi da tavolo ed ai giochi di carte, le discussioni su quali giochi meritino la palma di migliori e se ci siano state delle effettive innovazioni. Per ora mi vorrei dedicare ancora ai giochi presentati al tavolo di BoardGameGeek. Chi volesse rispolverare i giochi presentati nei primi quattro giorni di Essen, che mi hanno colpito di più, li trova nelle pagine precedenti

Mercoledì 17

Giovedì 18

Venerdì 19

Sabato 20

Uno dei primi giochi presentati domenica mattina è stato Keyflower. E’ un gioco per 2-6 persone che ha come meccaniche principali le aste, il piazzamento e le abilità delle varie tessere presenti nel gioco. E’ interessante notare che per fare le aste si usano i meeples che poi sono gli stessi che vengono usati per attivare le tessere che ci si è aggiudicati con l’asta. La spiegazione è stata piacevole ed il gioco mi sembra fluido e molto divertente. La posizione di rilievo che ha raggiunto in alcune delle classifiche che si fanno durante la fiera non mi ha per niente sorpreso. E’ un bel gioco, non me lo aspettavo e penso che lo comprerò. Scheda di BGG.

E’ stato presentato anche Polis: Fight for Hegemony, trovate la preview sulle pagine precedenti di Giochi & Giocatori.

Uno dei dominatori della fiera è stato Escape: The Curse of the Temple. E’ un gioco frenetico dove si tirano carriolate di dadi alla velocità della luce ed altrettanto velocemente con questi dadi si fanno le azioni e ce li si scambia con i compagni al tavolo, è un gioco da tavolo cooperativo. Il tutto avviene con il board che si compone sotto i nostri occhi e con una musica tribale frenetica nelle orecchie. Il tutto serve per dare adrenalina e divertimento. A mio avviso ci riesce abbastanza bene ma non capisco il perchè di tutto questo successo, è un giochino. Per fare un esempio direi che Space Alert giocato con il responsabile comunicazione che usa le cuffie e sente solo lui le istruzioni del gioco è decisamente più adrenalinico. Scheda di BGG.

Escape: The Curse ot The Temple visto dall’alto con tanto di radio/stereo per ascoltare il cd con la colonna sonora

Oddville è uno dei tanti giochi italiani che sono passati per Essen in cerca di fortuna e di visibilità internazionale. E’ un gioco di carte sostanzialmente anche se ci sono dei meeples. Le meccaniche sono lineari e piacevoli, il gioco è molto simpatico ed offre una bella serie di opzioni. E’ un misto tra il piazzamento dei lavoratori e lo sfruttamento dei poteri delle varie carte a dispozione. Ogni giocatore ha quattro carte, uguali per tutti, ne può usare una a turno e prima di poterla rimettere nella mano deve giocare anche le altre quattro. Ogni carta può essere usata in diversi modi. Alla fine lo scopo è acquistare palazzi per costruire la nostra città, uno dei temi forti di Essen a quanto pare, e questi stessi palazzi conferiscono delle abilità. Se vi piace il genere è sicuramente meritevole quanto meno di una prova. Scheda di BGG.

Berzerk il famoso CCG che ha spopolato in Russia è diventato un gioco di carte non collezionabile e si è presentato ad Essen. Un must per gli amanti del genere

Kemet, del quale la Asterion Press ha annunciato la versione italiana per il 2013, è il successore ideale di Cyclades. Le miniature sono, se possibile, ancora più definite e di alta qualità. La grafica del gioco in generale è di alto livello. Le meccaniche sono un pelo più profonde di Cyclades ma lo stile del gioco è sostanzialmente lo stesso. Cambia l’ambientazione perchè si è passati dagli dei greci alle divinità egiziane. Chiaramente mostri ed armate sono stati “localizzati”. Scheda di BGG.

Samurai Sword è Bang! trasferito nell’estremo oriente con un bel po’ di novità

Il gioco che ho scelto come copertina del post è Medieval Mastery che a dispetto del nome non è un complesso wargame ad esagoni. Il gioco è attraente per alcune trovate ma mi ha lasciato un dubbio sull’effettiva durata della partita. Ogni giocatore gestisce un reame, il board è componibile ed è formato da tessere che individuano dei luoghi e che danno bonus a chi le governa, e l’obiettivo è quello che di espandere l’influenza del proprio reame. I cavalieri, che sono l’unica armata presente, sono rappresentati dai dadi. Un dado con la faccia sei sta ad indicare che in quell’area ci sono sei cavalieri. Quando divido le truppe, esempio in due pattuglie da tre cavalieri, aggiungo un dado e li posiziono entrambi sul tre. Ogni reame è caratterizzato da tre abilità specifiche che sono uniche per ogni reame e cambiano ogni partita, stile Cosmic Encounter.
Il combattimento avviene sommando il valore dei dadi con quello delle carte che si hanno in mano e che si possono giocare. Le carte in questione aggiungono forza, tolgono difese all’avversario etc. etc. Alla fine il numero più alto vince e la differenza rappresenta le perdite dello sconfitto. La mia perplessità è quella che la condizione di vittoria, raggiungimento dei trenta punti influenza, possa essere difficile da raggiungere in tempi brevi in alcune partite. Il giudizio su Medieval Mastery è positivo e ci farei volentieri qualche partita. Scheda di BGG.

Un gioco che è stato presentato sabato ma che ho avuto l’opportunità di vedere solo domenica è Clocks. E’ un gioco astratto che si basa soprattutto sui dadi. L’obiettivo è quello di realizzare l’orologio perfetto. Il board non esiste, ogni giocatore ha il suo e si tratta di un orologio. I dadi sono dadi da sei facce di quattro colori differenti. Ad ogni valore del dado e ad ogni colore corrispondono delle azioni possibili ed a queste si aggiungono anche le azioni rese possibili dagli orologi man mano che attiviamo le varie ore nella ricerca della configurazione perfetta. Il gioco è chiaramente astrattissimo ma sicuramente potrà attirare i gamers sempre attenti alle meccaniche eleganti e particolari. E’ stata una piacevole sorpresa, la componentistica sembra di buon livello. Potrebbe essere una delle sorprese della fiera almeno per i giocatori. Scheda di BGG.

Vi lascio con la video recensione di Medieval Mastery fatta da Tom Vasel, il gioco recensito ha una grafica e dei materiali decisamente peggiori rispetto a quelli dell’edizione presentata ad Essen quindi non fatevi impressionare. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter





Annunci
  1. Dave
    22 ottobre 2012 alle 22:24

    Ma CO2 non è stato presentato?

  2. 23 ottobre 2012 alle 00:45

    Lo aspettavo anche io insieme a Seasons e qualche altro che non si è visto. Evidentemente hanno ritenuto inutile portare il gioco davanti alle telecamere di BoardGameGeek. Comunque CO2 dovrebbe esserci a Lucca e lì lo proverò sicuramente oppure lo compro a scatola chiusa e poi ne scrivo la recensione.

  1. 24 ottobre 2012 alle 10:50
  2. 25 ottobre 2012 alle 12:35
  3. 3 novembre 2012 alle 02:27
  4. 25 novembre 2012 alle 13:47

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...