Home > Anteprime, Giochi da Tavolo, Giochi di Carte > Giochi da tavolo e giochi di carte più in vista alla Fiera di Norimberga

Giochi da tavolo e giochi di carte più in vista alla Fiera di Norimberga

Una foto della Fiera di Norimberga

Una foto della Fiera di Norimberga


Si è da poco conclusa l’annuale edizione della Fiera Internazionale del Giocattolo di Norimberga. E’ una fiera molto differente da Essen o da Lucca se vogliamo restare nei nostri confini. A Norimberga si incontrano i protagonisti del settore giochi, autori, editori, produttori e distributori. E’ comunque un’occasione per presentare giochi da tavolo e giochi di carte che usciranno nei prossimi mesi. BoardGameGeek Tv ha fornito il solito preziosissimo servizio a tutti noi appassionati ed ha prodotto una serie di filmati relativi ai giochi presentati durante la Fiera di Norimberga. Di Forbidden Desert e di Village Inn non parlerò perchè li ho già trattati in separata sede. I giochi interessanti, secondo la mia opinione, sono molti per cui li dividerò in tre post differenti.

Oppida Romana è il nuovo gioco di Mac Gerdts e, come si affretta a dire l’editor che lo spiega ai microfoni di BoardGameGeek Tv, non fa uso della rondella che ha reso famoso l’autore in tutto il mondo. Oppida Romana si basa su un sistema di gestione delle carte e dei territori della mappa molto interessante. E’ difficile intuire bene tutte le meccaniche anche perchè l’inquadratura è un po’ larga, però dalla descrizione che ne è stata fatta si può scommettere su un altro centro di Mac Gerdts. Di sicuro Oppida Romana è un gioco che seguirò con attenzione.


Una casa editrice che si sta facendo largo negli ultimi anni è la NSKN, quelli di Wild Fun West e Exodus. A Norimberga ha presentato Praetor un worker placement molto particolare. I giocatori concorrono alla costruzione di una città con lo scopo di farsi nominare pretori della città stessa. Siamo nel periodo dell’impero romano. La particolarità di questo gioco è che i lavoratori crescono in esperienza un po’ come capita ai personaggi dei giochi di ruolo. Una volta arrivati al livello massimo di esperienza, però, vanno in pensione e sta a noi continuare a pagarli. Ovviamente Praetor non è solo questo, ma di sicuro questa è la prima cosa che salta agli occhi. E’ un gioco da seguire con attenzione.


Titanium Wars della Iello è un gioco di carte di ambientazione fantascientifica. L’obiettivo del gioco è conquistare i pianeti che producono il prezioso Titanium, una fonte di energia fondamentale. I giocatori potranno acquistare astronavi sempre più potenti, costruire insediamenti e migliorare la propria civilità. Il tutto ovviamente con il fine di menarsi per sconfiggere l’avversario e conquistare il pianeta ed annetterlo al proprio impero. Titanium Wars propone una variante interessante al classico sistema del deck building. E’ un gioco che merita di essere seguito nei prossimi mesi.


Per concludere voglio raccomandarvi due giochi a sfondo economico. Il primo, Bremer Haven, è una sorta di evoluzione di Container. Ci ritroveremo a gestire un porto ed una flotta mercantile. Il nostro obiettivo, però, non saranno solo i denari, ma anche il prestigio ed alla fine della partita entrambi i valori decreteranno il vincitore. Il gioco presenta una serie di meccaniche piuttosto interessanti non tanto perchè sono innovative in sè, quanto per come le cose sono state combinate insieme.
Il secondo gioco è 30 Karats. Qui l’aspetto economico è solo un pretesto. Si tratta di un gioco di contrattazioni, bluff e altri trucchi da commerciante. E’ ancora in fase di sviluppo quindi non si possono fare considerazioni sulla componentistica, ma a me è piaciuto. Nei prossimi post tratterò i giochi di Stefan Feld e quelli tra gli italiani che hanno maggiormente attratto il mio interesse. Tra questi c’è qualche gioco che vi interessa? Vi lascio con gli ultimi due video. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter



Annunci
  1. 13 febbraio 2013 alle 18:44

    Molto interessante, bravo Fabio.

  2. 13 febbraio 2013 alle 19:17

    Aggiungerei anche che il tutto va a discapito dei nostri scarni conti in banca 🙂

  1. 13 febbraio 2013 alle 20:24
  2. 15 febbraio 2013 alle 09:08
  3. 25 febbraio 2013 alle 16:27
  4. 8 aprile 2013 alle 13:23
  5. 18 settembre 2013 alle 13:24

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...