Home > Giochi da Tavolo, Recensioni > Medieval Mastery, recensione ed unboxing

Medieval Mastery, recensione ed unboxing

Medieval Mastery è una lotta tra dadi ehm cavalieri

Medieval Mastery è una lotta tra dadi ehm cavalieri


Medieval Mastery è un gioco da tavolo per 2-6 persone. Una partita dura non più di 45 minuti anche se con 5-6 giocatori si può arrivare anche ad un’ora di gioco. Medieval Mastery è un gioco di combattimento ambientato nel periodo del feudalesimo. Sei signori si danno battaglia per acquisire il controllo del territorio. Il gioco, nonostante la presenza di quintalate di dadi piccoli e di buona fattura, è un german game a tutti gli effetti. I dadi, infatti, vengono utilizzati per indicare il numero di cavalieri che un signore feudale possiede all’interno di un determinato territorio. Il fulcro del gioco è il combattimento che avviene attraverso l’utilizzo di due tipologie di carte. Da una parte ci sono le carte azione e dall’altra le carte artefatto. Le carte azione formano il mazzo base che è uguale per tutti i giocatori. Le carte artefatto sono solo tre per giocatore, una corona, un globo e uno scettro, e sono estratte a sorte ad inizio partita. Si possono anche distribuire con un sistema di draft.

Il board è variabile perchè sebbene la composizione sia sempre la stessa ci sono più tessere del necessario nella scatola e quindi il terreno su cui ci daremo battaglia cambia di partita in partita. Le tessere sono identificate da un nome, una grafica, un numero di punti vittoria che forniscono al giocatore che le controlla e da bonus/malus aggiuntivi che vanno ad incidere sul numero di cavalieri presenti, sul combattimento e sul numero di carte che il giocatore può tenere in mano. Ogni giocatore parte da un castello che per tutta la durata della partita continuerà a produrre cavalieri e che non potrà essere conquistato dagli avversari.

Il board di Medieval Mastery per una partita da quattro giocatori

Il board di Medieval Mastery per una partita da quattro giocatori

Il signore feudale deve fare attenzione a due cose. Innanzitutto a mantenere un collegamento tra il suo castello e tutte le tessere che possiede. La classica linea di rifornimento, una truppa tagliata fuori dai rifornimenti non può rinforzarsi dopo una debacle sul campo di battaglia ed è destinata ad essere distrutta. La seconda cosa a cui fare attenzione è la presenza degli avversari. Non c’è pace e non ci sono alleanze in Medieval Mastery. Se con il nostro dado/cavaliere entriamo in un territorio occupato da un altro dado/cavaliere non c’è altra soluzione che combattere.

Il combattimento è molto semplice. Al numero presente sul dado si aggiungono le carte che possiamo giocare dalla nostra mano più eventuali modificatori del terreno. più eventuali modificatori dovuti al supporto ed all’uso degli artefatti. Il confronto tra la somma dell’attaccante e la somma del difensore dà il nome del vincitore. Il primo giocatore che raggiunge i 13 punti vittoria sottoforma di territori controllati vince la partita. Medieval Mastery è tutto qui. L’ambientazione è assolutamente fittizia perchè di certo non ci si immedesima in un signore feudale grazie ai dadi ed è un peccato perchè la grafica delle tessere è ottima. La componentistica in genere è nella media, le carte vanno assolutamente imbustate.

Giocare a Medieval Mastery in 2-3 giocatori è sconsigliabile, non scala bene il gioco e si allunga oltre il dovuto alla ricerca della mano di carte giusta per chiudere il match. In 4-6 giocatori il tutto diventa più caotico e ci si mena senza sosta perchè il board è comunque molto piccolo, ma il gioco va via meglio. L’interazione per ovvi motivi è alta ma le meccaniche sono piuttosto note, la longevità non mi ha particolarmente impressionato. Medieval Mastery è un gioco senza infamia e senza lode il che è troppo poco in un mercato che offre tante alternative di qualità. Rimanendo nell’ambito del combattimento e dei giochi che utilizzano le carte mi viene in mente Kemet che è di un altro livello. Se cercate giochi che utilizzano i dadi in maniera alternativa, Medieval Mastery lo fa in modo molto banale, vi consiglio Bora Bora oppure The Doge Ships. Medieval Mastery voleva essere un filler veloce e divertente ma a mio modo di vedere ha fallito l’obiettivo, che invece un gioco come Kalua ha centrato pienamente. Per chi fosse interessato Medieval Mastery si trova in giro a 30 euro. Sulla pagina Facebook di Giochi & Giocatori trovate una photogallery dedicata a Medieval Mastery. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...