Home > Giochi da Tavolo, Varie > Ticket To Ride Sardinia, la creazione di Davide Fornasini

Ticket To Ride Sardinia, la creazione di Davide Fornasini

Uno scorcio di Ticket To Ride Sardinia l'espansione creata da Davide Fornasini

Uno scorcio di Ticket To Ride Sardinia l’espansione creata da Davide Fornasini


C’è una figura di appassionato di giochi da tavolo che spesso passa sotto silenzio. Ci sono dei giocatori che dopo un po’ di anni cominciano a pensare all’ideazione di un gioco tutto loro oppure a migliorare quelli che possiedono. Davide Fornasini è uno di questi e non si è limitato a delle house rules ma ha creato Ticket To Ride Sardinia un’espansione del famoso gioco della Days of Wonder. Davide ha creato addirittura un sito di riferimento per la sua creatura. Tutti quelli che sono interessati a Ticket To Ride Sardinia possono visitare il sito ufficiale. Chi volesse dilettarsi con la versione digitale di Ticket To Ride Europe può leggere qui. Davide Fornasini è stato molto gentile e mi ha spiegato come è nata l’idea di questa espansione ed abbiamo avuto un lungo scambio di mail. Nei prossimi giorni pubblicherò un’intervista dedicata alle sue passioni ludiche per ora mi sono limitato a chiedergli come è nato Ticket To Ride Sardinia. A lui la parola.

Come mai hai scelto proprio TTR come gioco da espandere?
Ci sono giochi che sembrano nati per essere espansi (potenzialmente tutti lo sono!) ed uno di questi è Ticket To Ride, il gioco infatti in ogni sua edizione è stato contestualizzato geograficamente con tabelloni specifici per USA, Europa, Germania, Svizzera, Scandinavia, India, Asia e Africa. Le meccaniche del gioco si adattano quindi perfettamente alle diverse ambientazioni, inserendo interessanti varianti in accordo con la particolare geografia delle mappe. Da piccolo avevo una predilezione per i treni, che aggiunta al mio amore di sempre per la Sardegna mi ha spinto a scoprire qualcosa sulla storia delle ferrovie sarde. Mi sono quindi posto l’obiettivo di tradurre in un gioco sentimento ed interesse verso l’isola che ha ospitato buona parte della mia infanzia…e TTR era perfetto!

Qual è stato il percorso che ti ha portato dall’idea alla realizzazione pratica?
Una volta avuta l’idea, per diverso tempo essa cresceva e prendeva forma nella mia testa…talvolta non riuscivo a pensare ad altro! E mi dicevo: o questa cosa la fai bene…o non la fai!
Ho cominciato quindi a lavorare al progetto grafico con Photoshop, strumento indispensabile per me poiché ne ho esperienza e dimestichezza. La maggior parte del tempo è stata spesa per la realizzazione della cornice segnapunti (volevo che fosse differente rispetto ai giochi ufficiali, quindi ho optato per i moli di legno sui lati corti e la ferrovia sui lati lunghi) e per la realizzazione delle carte. Al termine della progettazione base ho inserito degli elementi che volevo impreziosissero il lavoro. Ho aggiunto alcuni landmark sulla mappa che rappresentassero un’iconografia della Sardegna, come il Nuraghe, la Basilica di Saccargia, ecc… Come dorso delle carte Materiali ho scelto la scansione di un antico certificato obbligazionario della Compagnia Reale delle Ferrovie Sarde, trovato su internet e vera chicca per appassionati di documenti storici! Infine ho inserito nel tabellone del gioco il mio nome, quello della mia compagna e del mio migliore amico (non sono difficilissimi da trovare, e sono un “Easter Egg” dedicato proprio a loro). Successivamente ho chiesto informazioni a qualche tipografia per la stampa del tutto, ma queste lavorano solo per grandi volumi…500 tabelloni? Non era proprio il caso! Mi sono quindi affidato ad un onesto e competente centro stampa ed il risultato è stato direi professionale, con mia enorme gioia. Dopo aver più volte testato il gioco ho ricalibrato alcune regole e la fase successiva è stata la lunga creazione del sito bilingue e la promozione dello stesso attraverso alcuni forum di settore.

Sei mai stato contattato dalla Days of Wonder o dall’autore?
Solo da alcuni moderatori della community del sito della Days of Wonder in merito alla pubblicazione, che avevo chiesto per aumentare la fruibilità del mio progetto, di un link al mio sito nella loro pagina “Fans contributions”.
Qualche appassionato mi ha scritto che il lavoro meritava una commercializzazione e che avrei dovuto scrivere direttamente all’autore o produttore, ma quando terminai la realizzazione di TTR Sardinia notai che sul sito della DoW, sotto la voce “contattaci”, campeggiava la scritta: “Non inviateci progetti non richiesti poiché questi non verranno né esaminati né restituiti”…quindi ho desistito. Penso che probabilmente 2 anni fa, in occasione del concorso che premiava con 10.000 $ e con la commercializzazione la migliore mappa amatoriale, la DoW abbia ricevuto così tanti lavori che ora ha deciso di porre un…freno.
Curiosamente però un estimatore del mio progetto mi ha fatto notare che Ticket To Ride Africa, pubblicato mesi dopo mia realizzazione di TTR Sardinia, adotta un principio molto simile a quello da me introdotto: un mazzo di carte aggiuntive da calare, oltre le carte treno, per avere diritto all’occupazione di una linea ed ottenere punti aggiuntivi (nel caso di TTR Sardinia sono le carte Materiali, nel caso di TTR Africa sono le carte Terreno). Che si siano ispirati al mio lavoro? Non sono così malizioso o presuntuoso da pensarlo.

Quante persone hanno scaricato il modulo?
Sinceramente non saprei, non ho inserito un contatore di download, che presumo esista a pagamento, sulla piattaforma Wix che ho utilizzato per la creazione del sito. I riscontri, tutti positivi, che ho avuto via mail, e il numero di visualizzazioni dei thread su TTR Sardinia nei vari forum di informazione ludica, sono nell’ordine di qualche centinaia…ma ad essere onesti ritengo che tra questi solo i veri appassionati avranno messo mano al portafoglio per stampare mappa, carte e regolamento e magari realizzare una scatola (cosa da me non prevista poiché ripongo i miei tabelloni personali 50×70 in una comoda cartella da disegno da trasportare all’occorrenza). Mi ripaga del tempo speso sapere che questi appassionati “esplorano” le ferrovie sarde da diverse parti del mondo.
Una nota statistica: è stato maggiore il consenso internazionale, poche le mail di giocatori italiani e invece molte quelle da oltralpe (mi hanno scritto persino dal Canada e dalla Russia!)

Qualche consiglio a chi vuole provarci (realizzare un proprio progetto)?
Prima di tutto passione e creatività, se c’è la prima si affrontano con meno fatica eventuali difficoltà operative.
Non ci sono poi ostacoli insormontabili. Ad esempio, se si ha una buona idea e la si vuole sviluppare ma non si hanno delle competenze tecniche che permettano di lavorare da soli ed in autonomia, può essere utile e divertente lavorare in team, magari con un amico con attitudini grafico/artistiche, senza contare che Internet è ricca di contenuti liberamente scaricabili che possono servire a completare il proprio progetto con un notevole risparmio di tempo.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...