Home > Giochi da Tavolo, Recensioni > Batman: Gotham City Strategy Game, recensione ed unboxing

Batman: Gotham City Strategy Game, recensione ed unboxing

Lo scontro tra Batman e Joker è assolutamente inevitabile

Lo scontro tra Batman e Joker è assolutamente inevitabile


Batman: Gotham City Strategy Game è un gioco da tavolo per 2-4 persone ideato dall’italiano Paolo Mori. E’ un gioco che gode della licenza ufficiale della DC Comics e delle miniature di Heroclix prodotte dalla Wizkids. Il gioco è ambientato a Gotham City ed i giocatori gestiranno un supercriminale che ha come obiettivo il controllo della città, Batman permettendo ovviamente. Paolo Mori sta vivendo un periodo di grande notorietà perchè il suo Augustus è tra i nominati per lo Spiel des Jahres e potersi cimentare con una licenza ufficiale della DC Comics sotto l’egida della Wizkids non è cosa da poco. Batman: Gotham City Strategy Game, da adesso Batman GCSG, è un gioco in perfetto stile american game. Il gioco ha un regolamento molto semplice, sono appena 4 pagine, e si spiega in pochi minuti.

Ogni giocatore gestisce un supercriminale che è caratterizzato da cinque abilità, una gang di scagnozzi e un potere speciale. I criminali disponibili sono Il Pinguino, Due Facce, Killer Croc e ovviamente il Joker. Del gioco fa parte anche Batman che però non fa parte dei personaggi giocanti. In Batman GCSG ci sono tre tipi di risorse: potere, informazioni e denaro. Queste tre risorse sanciranno i passaggi di livello dei nostri criminali, una delle condizioni di vittoria è il raggiungimento del decimo livello prima degli avversari. Le risorse si possono ottenere in tre modi, controllando i quartieri di Gotham City, portando a termine dei piani criminali e sconfiggendo in combattimendo Batman o uno degli altri criminali.Col passare dei livelli i nostri criminali otterranno delle abilità a scelta tra le cinque inizialmente disponibili.

Setup di una partita a quattro giocatori di Batman: Gotham City Strategy Game

Setup di una partita a quattro giocatori di Batman: Gotham City Strategy Game

Il turno di gioco è facilmente riassumibile. Ci sono cinque fasi da seguire

– Controllo requisiti per il passaggio di livello
– Giocare una carta piano criminale
– Acquisire nuovi scagnozzi pagando denaro
– Utilizzare le informazioni per muovere il nostro criminale con i suoi scagnozzi
– Pescare una nuova carta piano criminale

Il fulcro del gioco sono le carte piano criminale che sono divise in due sezioni. La sezione inferiore della carta è il piano criminale che possiamo portare a termine. La parte superiore può identificare un quartiere di Gotham City che fornisce risorse a chi lo controlla oppure il simbolo del bat-segnale. In questo secondo caso prima di condurre in porto il piano criminale bisogna pescare una carta Batman ed azionare l’uomo pipistrello. In sostituzione del piano criminale si può scegliere di incamerare due risorse di qualsiasi tipo.

Col passare dei turni la lotta per il predominio nei singoli quartieri diventerà sempre più serrata, il dominio del quartiere va ai criminali che possiedono più punti potere in quella zona. Questa lotta per il predominio porterà a frequenti scontri tra i supercriminali e con Batman. Il combattimento è molto semplice utilizza un sistema di modificatori a cui va sommato un tiro di dado. Il dado ha sei facce con valori da 1 a 3 e con una faccia che riporta il simbolo di Batman. L’uomo pipistrello quando viene sconfitto torna nel suo covo e torna più forte di prima, il suo compito è quello di eliminare i punti potere. Nello scontro tra supercriminali, invece, la vittoria comporta un aumento dei punti potere. Da registrare il fatto che le risorse e la gang vengono tenute nascoste grazie ad uno schermo che funge da covo segreto e che la seconda condizione di fine gioco è l’esaurimento delle carte piano criminale. Batman: Gotham City Strategy Game è tutto qui.

Il board di Batman GCSG riproduce la città di Gotham

Il board di Batman GCSG riproduce la città di Gotham

La componentistica di Batman GCSG è di primo livello. Le miniature della Wizkids sono molto belle e possono essere utilizzate anche per giocare ad Heroclix, basta sostituire le basette di partenza con quelle specifiche che sono già presenti nella scatola. Solo le carte vanno imbustate perchè si usano di frequente. La grafica è ottima e non poteva essere altrimenti vista la licenza della DC Comics.Il gioco è dipendente dalla lingua perchè è tutto in inglese ma basta una conoscenza scolastica per venirne a capo. Il gioco in quattro giocatori diventa frenetico e le battaglie sono all’ordine del giorno, spesso si conclude per l’esaurimento del mazzo piani criminali. La longevità è buona perchè i personaggi sono sufficientemente differenziati tra loro e le variabili in gioco sono tante. L’ambientazione si sente a sufficienza i personaggi sono ben caratterizzati. Il gioco è piacevole ma avrei gradito qualcosa di più impegnativo ho registrato lo stesso senso di incompletezza che ho avuto giocando a Marvel Heroes. Se volete un gioco dove si menano le mani tra supercriminali e supereroi potrebbe essere una buona scelta, se volete qualcosa che si addentri nel Batman fumettistico o cinematografico allora conviene attendere qualche altro titolo. Un fattore va rimarcato, il fatto che le miniature possano essere utilizzate anche per Heroclix aggiunge un valore non da poco alla scatola che io ho acquistato su Ready2Play al costo di 54.00 euro. Se invece delle miniature preferite le carte date un’occhiata a DC Comics Card Game. Sulla pagina di Facebook di Giochi & Giocatori trovate una photogallery dedicata a Batman GCSG. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter

Annunci
  1. Michele
    7 settembre 2013 alle 12:01

    Ciao! Bella sintesi del gioco! Che tu sappia, quando uscirà in italiano?

  2. 7 settembre 2013 alle 12:12

    Ciao Michele, non ho notizie su una possibile versione italiana. Qualche gioco della Wizkids è stato tradotto da Giochi Uniti, quindi una piccola speranza c’è.

  3. 7 dicembre 2013 alle 14:14

    Siamo arrivati a Natale…pensi che giochi uniti pensera’ di farci questo regalo? 🙂

    • 8 dicembre 2013 alle 02:03

      Non mi risulta ci sia in programma una versione italiana, ma potrei sbagliarmi.

      • 8 dicembre 2013 alle 08:54

        Ma perche’ non pensano anche a questa fetta di mercato secondo te?

      • 8 dicembre 2013 alle 13:35

        Non so come funziona con Giochi Uniti che magari ha degli accordi particolari ma in genere le case editrici acquistano i diritti dall’estero ragionando su diversi parametri. 1- Possibilità di vendita del gioco, 2- Numero di copie minime richieste dalla casa madre e 3-Prezzo complessivo dell’operazione. Il punto 2, ad esempio, è la ragione per la quale difficilmente vedremo Lords of Waterdeep in italiano

  1. 9 giugno 2013 alle 13:56

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...