Home > Giochi da Tavolo, Recensioni > Five Points: Gangs of New York, recensione ed unboxing

Five Points: Gangs of New York, recensione ed unboxing

Il board di Five Points: Gangs of New York è diverso ad ogni partita

Il board di Five Points: Gangs of New York è diverso ad ogni partita


Five Points: Gangs of New York è un gioco da tavolo per 3-5 persone della durata di poco più di un’oretta. Per tutti quelli che hanno visto Gangs of New York non ci sarà bisogno di tante spiegazioni sull’ambientazione, per tutti gli altri basti sapere che è ambientato nella New York di metà diciannovesimo secolo. Ogni giocatore gestirà una gang formata da un boss e da una serie di scagnozzi con tanto di quartier generale. L’obiettivo del gioco è quello di estendere l’influenza del proprio boss sul maggior numero di quartieri possibile. Nel film tale influenza si misurava a suon di mega combattimenti tra gang differenti, nel gioco invece si procede per elezioni più o meno regolari. Le meccaniche di gioco di Five Points: Gangs of New York sono essenzialmente due, controllo del territorio/maggioranze e aste. Il regolamento è molto semplice e si spiega in pochi minuti. Il board varia di partita in partita. Il numero dei quartieri dipende dal numero dei giocatori, di sicuro due di questi quartieri saranno occupati da palazzi, anche questi variabili di partita in partita, mentre tutti gli altri sono sotto il controllo dei giocatori.

Uno stralcio del board di Five Points: Gangs of New York

Uno stralcio del board di Five Points: Gangs of New York

Ogni turno si divide in due fasi:

– Fase di piazzamento
– Fase elezioni

La fase di piazzamento permette ai giocatori di piazzare i propri scagnozzi nei vari quartieri e nella zona aste. Piazzando gli scagnozzi nei vari quartieri se ne acquisisce il controllo, e se nel quartiere c’è un edificio si prende il controllo anche del potere dell’edificio, e si può aggiungere altri scagnozzi alla zona aste. Ad ogni turno nella zona aste sono disponibili 4 poteri da utilizzare nelle elezioni. Si tratta di trucchetti e irregolarità che possono mutare il risultato delle elezioni. Alla fine del turno chi ha piazzato più scagnozzi vicino al potere se lo aggiudica. C’è anche un sistema che permette a chi passa per primo, uscendo dalla fase piazzamento, di recuperare un bel po’ di scagnozzi dalla riserva per utilizzarli nel turno successivo.

Nella fase elezione si individua il quartiere con il maggior numero complessivo di scagnozzi e si applicano tutti i modificatori conquistati dai giocatori attraverso aste ed edifici. Chi ha il maggior numero di scagnozzi nel quartiere in questione se lo aggiudica e vi può piazzare il proprio boss. Terminata un’elezione si considerano i quattro quartieri ortogonali a quello dove si sono tenute le elezioni e si assegnano i punti controllo contando il numero di scagnozzi presenti. La partita si può vincere per KO riuscendo a piazzare cinque boss sul board oppure alla distanza conquistando il maggior numero di punti vittoria prima che il gioco termini. Ci sono altri modi per fare punti vittoria, ma i principali sono questi.

Le aste sono fondamentali per aggiudicarsi le elezioni

Le aste sono fondamentali per aggiudicarsi le elezioni

Five Points: Gangs of New York è un gioco fatto molto bene, scivola via senza pausa, l’interazione è costante senza essere, però, brutale. Chiaramente non c’è modo di vincere senza confrontarsi con gli altri anche perchè il board è modulato sul numero di giocatori. La componentistica è di buon livello, quasi tutta in cartone pressato, la dipendenza dalla lingua si limita al regolamento. Se volete un gioco di maggioranze che non porti via la serata e che non metta fuori gioco chi non sa giocare oppure è alla prima partita allora questo Five Points potrebbe essere la scelta giusta. L’incidenza della fortuna è nulla e le scelte tattico strategiche non sono per nulla banali. Il punto debole è l’ambientazione che si sente poco o niente. Ottimo, però, il prezzo, io l’ho acquistato su Ready2Play a 29.50 euro. E’ stata una lieta sorpresa ed è piaciuto a tutte le persone a cui l’ho proposto per l’estrema semplicità delle regole. Se cercate qualche gioco di maggioranze più impegnato allora la scelta deve ricadere su Specie Dominanti. Trovate una photogallery dedicata a Five Points: Gangs of New York sulla pagina Facebook di Giochi & Giocatori. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...