Home > Anteprime, Giochi da Tavolo, Giochi di Carte > Essen 2013, i Giochi Presentati in Anteprima: Sorprendono Craftsmen e Francis Drake

Essen 2013, i Giochi Presentati in Anteprima: Sorprendono Craftsmen e Francis Drake

Una foto rubata dalla presentazione di Tash-Kalar

Una foto rubata dalla presentazione di Tash-Kalar


Domani, giovedi 24 ottobre, inizia ufficialmente la Fiera di Essen 2013. Grazie a BoardGameGeek Tv abbiamo potuto seguire in anteprima la presentazione di un bel po’ di giochi da tavolo e di giochi di carte che nei prossimi giorni intratterranno le migliaia di appassionati accorsi nella cittadina del nord della Germania. Dico subito che il livello complessivo delle presentazioni mi ha abbastanza deluso, mi aspettavo giochi più interessanti. Si sono visti un sacco di giochini buoni per i party game o per perderci una mezzoretta. Giochi come The Resistance e Lupus In Tabula continuano ad avere un sacco di cloni. In questa ondata di giochini l’unico che mi sento di segnalare è Mayday Mayday dove i giocatori interpretano i membri dell’equipaggio di un aereo che improvvisamente si ritrova senza il primo pilota. Mayday Mayday non aggiunge nulla di sconvolgente ai titoli menzionati prima, ma almeno il livello qualitativo mi è sembrato superiore alla media. Se vi piace il genere dategli un’occhiata.

Uno dei primi giochi della giornata è stato Prosperity. Il gioco della Ystari ha una meccanica molto semplice. Si pescano delle tessere che riguardano le diverse epoche storiche attraverso le quali si muove il gioco. L’obiettivo è quello di sviluppare una civilità tenendola in perfetto equilibrio tra la tecnologia e l’ecologia. Le tessere che si pescano/acquistano fanno scattare dei “poteri” che permettono delle azioni. Con il passare dei turni le combinazioni di tessere diventano sempre più potenti. Sembra un bel gioco, mi resta qualche dubbio sulla longevità dello stesso visto che le tessere alla fine sono sempre le stesse. E’ una scelta a rischio, magari bisognerebbe provarlo prima di acquistarlo.

Ben altro peso ha, a mio giudizio, Craftsmen. Un gioco bello solido con meccaniche note usate in maniera intelligente. Quella base è sicuramente il worker placement che è mischiato con le aste e con una parte di gestione. I materiali presenti nella scatola sono tanti ed il gioco scivola via senza grossi intoppi. Si tratta sicuramente di un gioco per giocatori perchè bisogna tenere sott’occhio molte variabili. Da segnalare il rapporto prezzo/qualità. Craftsmen dovrebbe costare sui 28-30 euro, sicuramente un gioco da inserire nella propria wishlist personale. Promette bene.

Di sicuro impatto, invece, è Francis Drake sul quale non mi dilungo perchè ho scritto un’anteprima tempo addietro, vi invito a leggerla.

La casa editrice greca, Artipia, ha presentato due giochi che hanno smosso un po’ le acque. Archon è un classicissimo worker placement che mette tanta carne al fuoco. Il gioco è stato spiegato bene, il che è un grande vantaggio, e potrebbe essere un buon acquisto per gli amanti del genere. Chi è alla ricerca della novità e dell’ambientazione può tranquillamente girare al largo da questo titolo. Più interessante, a mio modo di vedere, il gioco di carte Shadows over the Empire. I giocatori gestiscono un leader ed hanno il compito di influenzare gli altri personaggi presenti nella partita. Il board è formato dalle carte, ce ne sono molte di più di quelle che vengono messe in gioco quindi la longevità è garantita, alcune rivelate ed altre nascoste. Partendo dal leader e usando i propri punti influenza si possono portare dalla propria parte gli altri personaggi. Ogni personaggio ha delle abilità che si possono attivare quando è sotto il nostro controllo. Interazione bella spinta e meccaniche semplici ed intelligenti sembrano i punti di forza di questo titolo che potrebbe farsi strada tra le preferenze dei giocatori.

Restando nel mondo dei giochi di carte mi ha colpito la grafica di Enclave, un gioco polacco, che sembrava molto interessante anche sotto il punto di vista delle meccaniche. Purtroppo lo “spiegatore” era in grave difficoltà e non ha fatto capire molto del gioco. Spero di poterlo approfondire quanto prima. Molto chiaro è stato Vlaada Chvatil quando ha presentato l’atteso Tash-Kalar. Il gioco, che verrà presentato a Lucca dai Cranio Creations, è una sorta di wargame light molto astratto. I giocatori si sfidano in un’arena piazzando dei segnalini del proprio colore. Questi segnalini servono ad evocare delle creature che permettono la distruzione dei segnalini avversari. L’autore ceco non è mai banale e pur non trovandoci al cospetto di un titolo dell’importanza di Mage Knight si intravedono delle ottime potenzialità soprattutto per gli amanti dei giochi tattici ed a fortuna zero.

La prima giornata si è chiusa con Palmyra. Un filler dal vago sapore carcassoniano che si basa sul tile placement. Le regole sono pochissime ma la profondità strategica è notevole e potrebbe farlo salire molto in alto nelle preferenze dei giocatori. Si tratta di un titolo piccolo e poco noto, ma se vi capita a tiro dategli una chance. Chi volesse seguire la diretta delle presentazioni di domani può farlo con Twitter oppure seguendo il live di BoardGameGeek Tv. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook e su Twitter

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...