Home > Giochi da Tavolo, Recensioni > The Witches, recensione ed unboxing del gioco da tavolo basato sui romanzi di Terry Pratchett

The Witches, recensione ed unboxing del gioco da tavolo basato sui romanzi di Terry Pratchett

Essere una giovane strega presenta più di un problema

Essere una giovane strega presenta più di un problema


Terry Pratchett è uno scrittore molto particolare, per gran parte della sua carriera si è dedicato al fantasy. Il suo stile è molto lontano, però, dal fantasy classico alla Tolkien. E’ tutto giocato sull’ironia, sul paradosso, sull’umorismo. Il suo Mondo Disco è leggendario. The Witches è un gioco da tavolo che trae spunto da alcuni dei romanzi dello scrittore inglese.The Witches è un gioco da tavolo per 1-4 persone e una partita non supera mai l’ora di gioco. Per regolamento, tematiche e componentistica si situa pienamente nel settore degli entry level. Un gioco ideale da proporre a chi si avvicina per la prima volta al mondo dei giochi da tavolo oppure a chi ha giocato solo ai classici Monopoli, Risiko e Cluedo. Chiaramente se si è appassionati di Terry Pratchett si potranno cogliere tutta una serie di finezze che chi non conosce lo scrittore inglese non potrà cogliere. Per divertirsi, in ogni caso, non è necessario essere amanti del fantasy. I giocatori sono delle aspiranti streghe che hanno il compito di andare in giro per la regione, Lancre, dove è situata la scuola e risolvere un po’ di problemini. I problemi vanno dalla semplice febbre alta ai malanni di stagione dei maiali da allevamento fino a qualcosa di decisamente difficoltoso come mostriciattoli ed elfi turbolenti. The Witches è un cooperativo imperfetto nel senso che i giocatori vincono individualmente dimostrandosi più bravi degli altri a risolvere i problemi, ma possono essere sconfitti collettivamente dal gioco se il livello di crisi diventa ingestibile.

Le meccaniche di gioco sono molto semplici. I vari problemi, semplici e complessi, sono dislocati nelle location presenti sul board. Ad ogni turno viene immesso un nuovo problema dalla riserva che stabilisce la durata del gioco, se finiscono i problemi, e non c’è un livello di crisi intollerabile, il gioco finisce e vince chi ha fatto più punti. La location dove va il nuovo problema viene decisa dalla carta strega/evento estratta all’inizio di ogni turno. Se in quella location c’è già un problema allora l’arrivo del secondo fa scattare la crisi evidenziata dalla presenza dell’apposita tessera. Se finiscono le tessere crisi, presenti in numero variabile deciso ad inizio gioco, vince il gioco. Se nella location ci sono già due problemi allora si sceglie una nuova location, si agisce allo stesso modo se nella location c’è una strega.

La carte hanno diverse funzioni all'interno di una partita di The Witches

La carte hanno diverse funzioni all’interno di una partita di The Witches

Una volta posizionato il nuovo problema il giocatore di turno può muoversi e/o decidere di risolvere un problema presente sul board. Il movimento può avvenire volando grazie alla classica scopa o camminando. I problemi sono definiti da un livello di difficoltà e da un premio in punti vittoria. La risoluzione di un problema è molto semplice. Si tirano due dadi a sei facce e si sommano i valori ottenuti, dopo il primo tiro si possono giocare delle carte per modificare il risultato e poi si passa al lancio di altri due dadi. La somma totale deve essere pari o superiore al problema affrontato. In caso positivo si pone il problema sulla nostra scheda strega, in caso negativo si applicano le conseguenze che variano a seconda del problema affrontato. Quando si tirano i dadi si possono ottenere anche dei risultati follia che fanno guadagnare al giocatore delle tessere follia. L’eccesso di tessere follia può portare alla malattia mentale tipica delle streghe ed in ogni caso svantaggia il giocatore in caso di arrivo a pari punti con gli altri.

Le carte strega/evento hanno tre funzioni. Ogni carta ha una location che serve ad inizio turno per sistemare i nuovi problemi sul board. Tutte le carte hanno un simbolo nella parte alta che serve a potenziare il movimento oppure a potenziare la risoluzione dei problemi. Le carte, poi, nella parte centrale hanno un potere che si può applicare in varie fasi del gioco. I poteri facilitano di molto il gioco e danneggiano gli avversari. Ad esempio ci sono delle carte con la dicitura “Power of three”, se si raccolgono tre di queste carte si può risolvere qualunque tipo di problema senza tiro di dadi. Da notare che la risoluzione dei problemi comporta un aumento di esperienza da parte della strega. I problemi normali permettono di tenere più carte in mano, mentre i problemi difficili danno dei bonus permanenti nella fase di risoluzione dei problemi. The Witches è tutto qui, le condizioni di fine gioco sono tre. Esaurimento delle tessere crisi, presenza sul board di tre problemi gravi legati agli elfi, esaurimento dei problemi dalla riserva. Sommando il valore in punti vittoria delle tessere problema in possesso di ogni streghetta si determina il vincitore.

Setup di una partita a quattro giocatori di The Witches

Setup di una partita a quattro giocatori di The Witches

The Witches mantiene quello che promette. Se cercate un gioco semplice, veloce, divertente è la scelta che fa per voi. Se volete qualcosa di impegnativo, con meccaniche ricercate, tattiche e strategie sempre differenti allora dovete rivolgervi altrove. La componentistica è di buon livello, la grafica è perfetta per l’ambientazione. Si spiega in pochi minuti. Il regolamento e le carte sono in inglese ma non c’è niente di incomprensibile e basta avere un’infarinatura della lingua per poter giocare senza problemi. Il livello di difficoltà si può calibrare facilmente variando il numero di tessere crisi. La rigiocabilità è elevata perchè il piazzamento dei problemi è sempre differente e siccome non si usano tutti i problemi ogni partita sarà diversa dalla precedente. Il gioco scala bene e mantiene la sua freschezza anche in solitario. Se siete alla ricerca di un nuovo entry level fateci un pensierino. Io l’ho comprato su Ready 2 Play a 32.50 euro. Se invece volete qualcosa di più complesso potete orientarvi su Craftsmen oppure su Nations. Sulla pagina di Facebook di Giochi e Giocatori trovate una photogallery dedicata a The Witches. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook su Twitter e su Instagram

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 21 febbraio 2014 alle 14:24
  2. 21 maggio 2014 alle 21:36

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...