Home > Giochi da Tavolo, Recensioni > Quantum, recensione ed unboxing

Quantum, recensione ed unboxing

La posizione di partenza di Quantum è sempre la stessa

La posizione di partenza di Quantum è sempre la stessa


Quantum è un gioco da tavolo per 2-4 persone della durata di un’ora circa. Il gioco di Eric Zimmerman, edito nel 2013, ha un’edizione italiana a cura della Asterion Press pubblicata nel 2014. L’ambientazione di Quantum è chiaramente fantascientifica. Ogni giocatore impersona una delle quattro fazioni in cui si è divisa l’umanità, o meglio in cui si sono divisi i discendenti dell’umanità. Ogni fazione ha la sua flotta di navi spaziali che però non differisce dalle altre se non per il colore. Quindi di base la scelta di una fazione piuttosto che di un’altra non influenza il gioco.

L’obiettivo del gioco è quello di costruire un numero prefissato di cubi quantum sui pianeti che compongono il board. Chi raggiunge per primo questo numero vince la partita, non c’è possibilità di pareggio. Quantum ha un board componibile che varia a seconda del numero di giocatori ed a seconda dei desideri dei giocatori stessi. Le strategie da impostare cambiano molto da un board all’altro quindi non è una scelta banale.

Ogni giocatore parte con tre navi spaziali nel suo pianeta di partenza e due navi per eventuali espansioni, successive, della flotta. La particolarità di Quantum è che ogni nave spaziale è un dado a sei facce ed ogni faccia del dado serve a definire la tipologia di astronave, la sua capacità di movimento, le sue abilità speciali e la sua forza in combattimento. Più è alto il numero più è veloce la nave, più basso è il numero più è forte in combattimento.

Ogni turno si divide in due fasi. La prima fase è quella delle azioni, mentre la seconda è quella delle carte avanzamento che si dividono in comando e azzardo. La fase azioni prevede tre azioni per giocatore da scegliersi tra: schieramento, movimento/attacco, ricerca,riconfigurazione e costruire. Con queste azioni si può cambiare il tipo di astronave, muoversi sul board, attaccare i nemici, aumentare il proprio livello tecnologico, riportare in gioco le astronavi distrutte in precedenza e costruire cubi quantum. L’azione di costruire è l’unica che richiede due delle tre azioni possibili in un turno.

Il fulcro del gioco è costruire cubi quantum, per farlo con l’azione costuire è necessario che la somma dei propri dadi presenti nelle aree orbitali di un pianeta sia pari al valore del pianeta stesso. Ovviamente il pianeta deve avere spazi di costruzione liberi e tranne rari casi non deve essere già presente un cubo quantum dello stesso colore.

E’ possibile costruire un cubo quantum anche raggiungendo il livello massimo di dominio. Per innalzare da 1 a 6 il proprio livello di dominio è necessario vincere i duelli spaziali distruggendo navi degli altri giocatori. La seconda fase di ogni turno è quella delle carte avanzamento. Ogni giocatore che ha costruito un cubo quantum nel proprio turno o ha raggiunto il livello massimo di ricerca, da 1 a 6, può prendere una delle carte disponibili. Le carte comando danno un potere permanente, ogni fazione ne può avere al massimo tre, mentre le carte azzardo sono one shot, si pescano, si utilizzano e si scartano. Da notare che gli indicatori di dominio e ricerca una volta che hanno raggiunto il valore massimo si azzerano e ripartono da uno.

Oltre a svolgere le azioni ed a pescare le carte durante il proprio turno i giocatori possono sfruttare le abilità speciali delle astronavi che hanno in gioco. Ogni tipologia di astronave ha la sua abilità.

Le partite a Quantum sono sempre molto avvincenti

Le partite a Quantum sono sempre molto avvincenti

Quantum è stato un acquisto non previsto del quale sono molto soddisfatto. L’ambientazione è abbastanza relativa, ma il gioco non ne risente. Il nome originale, Armada D6, a mio avviso era molto più calzante. L’interazione è molto alta, ci sono decine di modi per mettere i bastoni tra le ruote ai propri avversari. In due giocatori il gioco è molto più scacchistico, mentre in quattro diventa una vera lotta senza quartiere. Le meccaniche sono molto ben congeniate e facili da spiegare. Il gioco ha una prevalenza della tattica sulla strategia perchè è difficilissimo fare programmi a lungo termine. L’uso dei dadi invece delle miniature, cosa su cui avevo molti dubbi, è una scelta vincente e probabilmente necessaria. La rigiocabilità e la longevità sono molto alte. E’ difficile fare due partite uguali, sono troppe le variabili che incidono sul risultato finale. La fortuna ha un suo ruolo, ma è molto più marginale di quello che si può aspettare da un gioco in cui si tirano dadi di continuo. Il gioco ha una piccola dipendenza dalla lingua dovuta al testo sulle carte, ma essendoci l’edizione italiana è un ostacolo già superato. Un’osservazione sulla durata, se ci sono grandi pensatori al tavolo è piuttosto facile sforare l’ora di gioco indicata sulla scatola. E’ un gioco che consiglio, io l’ho acquistato su ready2play a 39.90 euro. Se cercate altri giochi con grande interazione, anche se di durata superiore, potete dare uno sguardo a Dominare. Buon Gioco a tutti.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook su Twitter e su Instagram

Annunci
  1. 19 agosto 2014 alle 08:24

    buon gioco davvero. Divertente e “veloce”. Avvincente ed imprevedibile nello sviluppo. La – mancanza di una – soddisfazione di aver messo in piedi una tattica vincente è pienamente compensata dal piacere di giocarci 🙂 Ottimo acquisto!

  2. kukri
    29 agosto 2014 alle 10:41

    Il gioco sarebbe anche bello se non fosse per alcune cartr veramente di potere eccessivo.

  1. 29 settembre 2014 alle 11:23
  2. 22 dicembre 2014 alle 13:15
  3. 31 dicembre 2014 alle 13:13
  4. 6 febbraio 2015 alle 17:38

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...