Home > Giochi da Tavolo, Varie > Trains, solo alta velocità per Game Night

Trains, solo alta velocità per Game Night

Una fase di gioco durante Game Night

Una fase di gioco durante Game Night


Game Night è una trasmissione di BoardGameGeek Tv che spazia tra l’attualità, americana ovviamente, e giochi meno conosciuti o semplicemente meno popolari. Trains, un gioco da tavolo per 2-4 persone della durata inferiore ai sessanta minuti, rientra perfettamente in questa seconda categoria. Ho visto per la prima volta Trains presentato dalla Japon Brand durante le sue interminabili presenze allo stand di BoardGameGeek ad Essen. Il gioco, ovviamente, era ben lontano dalla resa grafica attuale, è edito dalla AEG, ma se ne intuivano immediatamente le possibilità. Nel 2012 eravamo ancora in piena onda lunga da Dominion, un gioco che nel bene o nel male rappresenta una delle grandi novità del mondo dei boardgames degli ultimi dieci anni.

Trains adotta, infatti, la dinamica del deck building prendendola pari pari da quella di Dominion, senza variazioni ne differenze. La differenza con il gioco di Donald Vaccarino sta nel contorno. Trains è un gioco ferroviario a tutti gli effetti. I giocatori devono costruire una ferrovia tra alcune delle più grandi città giapponesi. Per farlo dovranno attraversare pianure, montagne, fiumi ed avere a che fare con tonnellate di materiali da smaltire. Il gioco in sè è molto semplice soprattutto per chi ha familiarità con Dominion. Ogni giocatore ha un mazzo di carte, all’inizio uguale per tutti, dal quale pesca cinque carte ogni turno. Queste cinque carte servono per fare azioni del tipo piazzare binari, ad un costo differente a seconda del terreno, costruire stazioni e prendere nuovi treni. Le stesse carte servono anche come moneta contante per acquistare altre carte da inserire nel proprio mazzo.

Oltre alle carte c’è anche un board sul quale costruire la propria linea ferroviaria ed interagire con gli avversari. L’interazione è limitata, in pieno stile deck building, però giungere per primi in alcune zone aumenta a dismisura i costi degli avversari e questo è un vantaggio non da poco. E’ importante anche la gestione del materiale da smaltire che finisce nel deck e quindi intasa le azioni della compagnia ferroviaria. Il mercato delle carte da acquistare viene selezionato casualmente ad ogni partita quindi c’è una certa variabilità nel setup iniziale. Non sono un grande amante del deck building a meno che non sia inserito in un contesto più ampio. Trains mi sembra un gran bel gioco e di sicuro lo avrei acquistato se non avesse un prezzo spropositato, intorno ai sessanta euro. Se lo trovate in giro per meno è un buon acquisto.

Se volete ripescare qualche puntata precedente di Game Night vi consiglio di partire da quella dedicata a Colt Express. Se siete in difficoltà con la scelta dei regali di Natale buttate un occhio alle guide che sto scrivendo a partire da quella per i giochi a due giocatori. Vi lascio con il video della puntata di Game Night dedicata a Trains. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook su Twitter e su Instagram


Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 26 dicembre 2014 alle 16:33

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...